E’ metà mattina, sei in ufficio già da diverse ore, e la colazione è ormai un lontano ricordo. Lo stomaco brontola, protesta, guardi l’orologio e il pranzo è ancora lontano. Che fame!  Cosa mangiare fuori pasto? Aspetta, ragioniamo.

Ascolta il tuo corpo

Impara ad ascoltare il tuo corpo. Ti sta dicendo che ha bisogno di carburante per poter funzionare. Il tuo cervello reclama zuccheri per poterti permettere di lavorare. Probabilmente, stai avendo un calo ipoglicemico (in gergo, un calo di zuccheri nel sangue, probabilmente dovuto ad una colazione insufficiente). Non ignorare questi segnali: stomaco che rantola, vista annebbiata e testa che gira.

Il metabolismo

Non commettere l’errore di digiunare e tirare dritto fino all’ora di pranzo., perché non mangiare non equivale a dimagrire, Anzi, non mangiando rischi di rallentare l’attività metabolica, poiché il corpo interpreta il digiuno come ‘periodo di magra’ e tende ad immagazzinare grasso per tutelarsi.

Mangiare poco, ma spesso

E’ questo il segreto per mantenere sempre attivo il metabolismo. Fare spuntini frequenti ma sani. Variare per non annoiare corpo e mente. Sempre, anche a lavoro o in università. La nostra salute viene sempre prima di tutto.

 Cosa mangiare fuori pasto?

Non farti prendere dal raptus istintivo di fiondarti alle macchinette. Merendine farcite ipercaloriche, succhi di frutta ricchi di zucchero, biscotti con farine raffinate, snack pieni di sale, additivi e aromi artificiali. Il festival dei conservanti e del colesterolo fatto di incarti accattivanti e colorati. Ma la festa finisce qui. Seppur saporiti e ghiottissimi, questi prodotti sono puro veleno per il nostro organismo e non danno alcun nutrimento .

Tempo, attenzione e fantasia

Innanzitutto quando fai la spesa pensa anche a cosa mangiare fuori pasto e non solo agli alimenti che ti serviranno per preparare i pasti principali. Scegli sempre frutta e verdura di stagione e prodotti il meno processati possibile. Poi dedica del tempo a te stesso e alla tua salute per preparare qualcosa da casa, poco prima di uscire o magari la sera prima.  Se hai poca fantasia o non sai da dove cominciare, ti diamo qualche esempio di snack che puoi portare via con te in dei contenitori ermetici, se ne trovano tanti in commercio, colorati e praticissimi.

Gli snack più buoni e sani da portare con te, ovunque!

  • Parfait goloso. 

    In un vasetto di vetro con tappo ermetico, crea un dolcino a strati: inzuppa una galletta di riso in un po’ di latte vegetale e ponila sul fondo del barattolo, versaci su dello yogurt greco senza zuccheri aggiunti e delle fette di banana. Ripeti il tutto fino a che il barattolo è pieno e cospargi la superficie con della granella di nocciole e della cannella. Sta a te lavorare di fantasia: mirtilli, fragole, marmellate bio, miele, mandorle, cacao, scaglie di cocco, noci. Le combinazioni sono infinite!

  • Tiramisù fit. 

    Il procedimento da seguire è identico al precedente, sostituendo però il latte vegetale in cui inzuppare le gallette…al caffè! Non solo ti aiuterà a svegliarti, ma ti ricorderà il tiramisù ma in una versione più leggera e sana. Sulla superficie il cacao amaro è d’obbligo!

  • Frutta fresca e frutta secca. 

    Veloce e completo, questo snack è adatto a chi non ha tempo. Taglia il tuo frutto preferito a spicchi, magari una mela, o fai una macedonia: irrora sempre il tutto con del succo di limone per evitarne l’ossidazione. Accompagna la frutta fresca di stagione con una manciata di frutta secca per fare il carico di vitamine, grassi buoni e proteine vegetali.

  • Sticks di verdura e dip. 

    Sì, hai letto bene! Taglia in bastoncini sottili carote, sedano, cetrioli e a parte prepara del formaggio spalmabile (o anche del guacamole) in cui intingere i tuoi stick. Un aperitivo da ufficio sano e leggero, ricco di fibre e proteine.

  • Barretta ProLive. 

    E se proprio il tempo non è dalla tua parte, e la pigrizia prende il sopravvento la soluzione te la diamo noi. Le nostre barrette ProLive sono il mix perfetto tra golosità e benessere per la tua pausa. Proteine, cereali integrali e il cioccolato belga più pregiato (extra fondente, al latte e bianco) per addolcire le ore di lavoro e studio. 12 referenze nella versione classica e 6 in quella bio per incontrare le esigenze di tutti. Classici, fruttati e innovativi: ognuno troverà il suo gusto. Adesso tocca a te scegliere quale dare alla tua pausa! 😉

Per rimanere sempre aggiornato su alimentazione e benessere, clicca qui.

Seguici su Facebook e Instagram.